Google logoGoogle logo PNG

Google è il motore di ricerca più popolare al mondo con il più ampio supporto linguistico. È stato creato da Sergey Brin e Larry Page – studenti della Stamford University. Un altro designer, Ruth Kedar, ha dato un grande contributo all’evoluzione del logo di Google, poiché ha avuto una dozzina di idee, che sono state crittografate nel logo.

Significato e storia

storia del logo Google

Il motore di ricerca online più utilizzato in tutto il mondo, Google, è stato creato nel 1995 come BackRub e fortunatamente ha cambiato il suo nome in quello che tutto il mondo conosce ora nel 1997. Il nome “Google” è un derivato di “Googol”, che è un largo numero. Fatta eccezione per i primi due anni, mentre l’azienda aveva un nome diverso, la sua identità visiva è sempre stata piuttosto costante. La sua luminosità e semplicità hanno reso il logo davvero iconico e immediatamente riconoscibile.

1995 – 1997

Google-1995-logo

Il logo BackRub, introdotto nel 1995, comprendeva un semplice wordmark rosso con due lettere maiuscole. L’iscrizione è stata eseguita in un carattere sans-serif in grassetto, che è molto simile ai caratteri PF Fusion Sans Pro Black e Impart Family. Era un logotipo semplice e solido, che rimase in azienda per due anni, fino a quando non ottenne il nuovo nome.

1997 – 1998

Google-1997-logo

Nel 1997 è stato progettato il primo logo per Google, utilizzato solo per la versione beta, ma è diventato la base per tutti i successivi progetti di identità visiva. Le tute da salto tridimensionali erano disegnate ciascuna in un colore diverso, con un aspetto leggermente amatoriale, era un design divertente, che è diventato qualcosa di veramente iconico.

1998 – 1999

Google-1998-logo

Il primo logo ufficiale è stato progettato nel 1998 e presentava un’iscrizione sul caso del titolo in cui ogni lettera era disegnata in uno dei seguenti colori: verde, rosso, giallo o blu. L’iscrizione è stata eseguita in un carattere tipografico serif di transizione, Baskerville Bold.
Più tardi nello stesso anno, il segno esclamativo blu fu aggiunto al wordmark e vi rimase per un anno. L’iscrizione è stata resa tridimensionale e ha ottenuto un’ombra grigio chiaro.

1999 – 2013

Google-1999-logo

La riprogettazione del 1999 ha portato una forma 2D all’identità visiva, insieme al nuovo carattere tipografico: il carattere serif Catull BQ, che presentava eleganti linee continue e serif nitidi. La tavolozza dei colori è rimasta intatta. Un altro dettaglio individuale del marchio verbale era una leggera inclinazione di entrambe le lettere “O” a sinistra.
Più tardi, nello stesso anno, una versione tridimensionale è stata aggiunta al portfolio di identità visiva di Google.

2010 – 2013

Google-2010-logo

Nel 2010 l’ombra è stata rimossa dal logotipo e i colori sono diventati più luminosi e intensi.

2013 – 2015

Google-2013-logo

Il restyling del 2013 riporta il logotipo piatto, rendendo il logo minimalista e forte. Le sfumature di colore sono di nuovo raffinate, e le serif se le lettere sono ora più distinte di quelle delle versioni precedenti.

2015 – Oggi

logo Google

Nel 2015 il logo di Google è stato nuovamente ridisegnato. L’unica cosa che rimane intatta è la combinazione di colori distintivi. Lo stile e la forma delle lettere sono ora completamente diversi.
La nuova iscrizione è eseguita in un carattere sans-serif in grassetto, che è abbastanza vicino a Muguet, ma è stato creato esclusivamente per Google e si chiama Product Sans. Entrambe le lettere “O” nel titolo sono un cerchio, quindi nessuna inclinazione della firma qui più.

Nello stesso anno è stata creata la nuova icona – la lettera in grassetto “G”, eseguita nello stesso stile, ma disegnata utilizzando tutti e quattro i colori: rosso, giallo, verde e blu.

Nuovo logo

L’attuale logo di Google si basa sul carattere sans-serif ed è stato presentato il 1 settembre 2015. È stato scelto perché il sans-serif tende ad essere più leggibile rispetto alla maggior parte degli altri caratteri quando vengono utilizzate dimensioni ridotte. Questa versione è stata sviluppata per soddisfare gli utenti di dispositivi mobili con schermo piccolo.
Utilizza la stessa tavolozza di colori di quella introdotta nel 1998, sebbene le tonalità siano più luminose e più coerenti. I suoi colori sono disposti secondo una cosiddetta tavolozza di colori tetradica e aggiunge un aspetto ottimista e vigoroso al design del logo. È uno dei fattori che hanno contribuito al successo senza precedenti di Google. Oltre al fattore straordinario, i colori vivaci soddisfano la diversità culturale globale e hanno una sorta di potere unificante.
Nuovo logo Google Nuovo logo Google
In alcune occasioni (di solito tristi), Google mostra una versione incolore del logo. Così, il logo grigio chiaro è rimasto su Google Poland per diversi giorni dopo l’incidente aereo, in cui è stato ucciso Lech Kaczynski, il presidente della Polonia. Poco dopo, è apparso su Google Hong Kong e Google China in memoria delle vittime del terremoto del Quanghai in Cina.

Vecchio logo

Nel 1996, quello che oggi conosciamo come Google era noto come BackRub e aveva un tipo di logo assolutamente diverso. Quella era l’immagine di una mano che sfregava qualcosa come una schiena nuda, e il nome dell’azienda rappresentava la pratica pionieristica dell’azienda di aumentare la popolarità di un sito web attraverso l’uso di backlink. Molti utenti hanno confessato che il logo sembrava loro inquietante. In ogni caso, non ha avuto la resistenza per comunicare la grandezza e il successo dell’azienda al pubblico globale. Doveva esserci un cambiamento per qualcosa di più semplice e più divertente.

Simbolo

La prima favicon era solo una lettera maiuscola “G” in blu inserita in una cornice quadrata. Nel 2008 è stata sostituita da una “g” minuscola in azzurro, mentre un paio di anni dopo è stata introdotta una nuova tavolozza multicolore. La favicon del 2012 sembrava quella del 2008 con i colori invertiti.
Nel 2015, contemporaneamente al nuovo logo, è stata introdotta una favicon aggiornata. Alcuni stilisti notano che l’attuale favicon di Google ricorda leggermente il logotipo del 1993 del marchio di abbigliamento Gymboree. La prima lettera del wordmark Gymboree aveva quasi la stessa forma di quella usata nella favicon di Google, mentre la tavolozza dei colori era totalmente diversa.

Emblemi “bianchi”

Come accennato in precedenza, in tempi di grande tragedia l’azienda utilizza spesso un logotipo incolore. Finora ci sono stati diversi loghi “bianchi”. In ogni caso, il logotipo “bianco” ha esattamente la stessa forma di quello normale, l’unica differenza è la combinazione di colori. Mentre i primi loghi incolori presentavano un effetto 3D, quello attuale, così come la versione del 2013, è piatto.

Font

L’ultima versione del logo di Google utilizza il carattere sans-serif, che è diverso dal Times New Roman e dai caratteri ornamentali, in cui era apparso il marchio in precedenza. Questo carattere ha una forma audace e snella, che lo rende compatibile con i pixel, quindi si adatta a tutte le risoluzioni; pertanto, il wordmark è leggibile su tutti i tipi di dispositivi.

Logo di Google Plus

Il logo di Google Plus si basa sulla “G” maiuscola fornita con lo stesso carattere tipografico di molti altri prodotti Google (ad esempio, Ricerca Google). La lettera stessa è bianca. Accanto c’è il segno più, anch’esso bianco. Sono posizionati all’interno di un cerchio con riempitivo rosso. Il logotipo appare dimensionale a causa dell’effetto ombra. È interessante notare che la combinazione di colori e il segno “+” rendono il logo di Google Plus in qualche modo simile all’emblema della Croce Rossa, sebbene i colori siano invertiti.

Logo di Google Play

Il logo di Google Play è stato modificato più di una volta da quando il nome della piattaforma è stato cambiato da Android Market a Google Play nel 2012. La forma triangolare dell’emblema è rimasta la stessa, ma alcuni hanno giocato con i colori e il wordmark. L’icona introdotta nell’aprile 2016 presenta colori più luminosi e saturi. L’emblema ha acquisito un aspetto piatto.

Logo di Google Drive

Sia i colori che la forma del logo di Google Drive hanno un loro significato simbolico. Google Drive comprende tre opzioni: DOCS (un logo blu), SHEETS (verde) e SLIDES (giallo). Quindi, ogni colore del logo di Google Drive rappresenta uno dei servizi che comprende. Il triangolo enfatizza il concetto “tre”, mentre il fatto che sia una figura chiusa simboleggia che i tuoi dati sono protetti.

Logo di Google Maps

Il wordmark include la parola “Google” che ha esattamente lo stesso aspetto del normale logo di Google e la parola “Maps” in grigio. A differenza della versione 2013, la prima lettera del nome del servizio è in maiuscolo. La favicon presenta una mappa stilizzata con due strade (una gialla e una bianca) e tre campi (blu, verde e grigio). Inoltre, c’è un segno di palloncino rosso con un punto rotondo in una tonalità di rosso più scuro.

Logo di Google Analytics

Il wordmark stesso è stato costruito allo stesso modo di quelli di altri servizi Google: la prima parola è il normale wordmark di Google, mentre la seconda parola è il nome del servizio dato in grigio.
Il logo di Google Analytics come si vede sulla sua icona presenta una rappresentazione grafica di una tendenza al rialzo e al ribasso. La tavolozza include due tonalità di arancione e il colore bianco.