Puma LogoPuma logo PNG

Puma è una delle aziende più antiche del mondo dello sport, e il suo logo con il gatto selvatico nero nel salto è uno degli emblemi più riconoscibili nella storia dell’identità sportiva. L’azienda è iniziata con una semplice lite familiare tra fratelli, che ha portato alla formazione non di uno, ma di due marchi leggendari: Puma e Adidas.

Significato e storia

storia del logo Puma

Puma è uno dei più antichi produttori di scarpe da ginnastica, abbigliamento, accessori e altre attrezzature per l’allenamento. Il marchio è apparso dopo una lite tra due fratelli che hanno fondato la Dassler Brothers Shoe Factory nel 1924.

Nel 1924 la famiglia Dassler registrò l’azienda con il nome di Dassler Brothers Shoe Factory. Un anno dopo, uno dei membri dell’azienda ha inventato tacchetti da calcio con punte, che prima non erano stati prodotti da nessun’altra parte. Le scarpe si sono rivelate non solo comode ma anche perfettamente adatte allo sport. Pertanto, questo modello è diventato il prodotto principale dell’azienda. L’attività cresceva rapidamente e con essa i profitti. Permise ai fratelli nel 1926 di fondare la loro grande fabbrica, che iniziò la produzione in serie di scarpe.

Dopo il conflitto, avvenuto tra i fratelli nel 1948, l’azienda si divise in due parti. Uno dei fratelli chiamò la loro azienda Addas (successivamente ribattezzata Adidas) e il secondo – RuDa.Successivamente, RuDa cambia nome in Puma.

Nello stesso anno, Puma lancia le sue prime scarpe da calcio chiamate Atom. E già in una delle prime partite di calcio che si sono svolte dopo la seconda guerra mondiale, diversi giocatori della squadra nazionale preferiscono gli stivali di Rudolph, esibendosi nelle competizioni.

Da allora, l’azienda produce costantemente nuovi modelli, offrendo ai suoi clienti soluzioni innovative sia nelle silhouette che nei materiali. Tuttavia, nonostante tutti i successi degli anni Novanta, l’azienda era sull’orlo del fallimento. Le vendite e la creazione del marchio erano nel dimenticatoio. L’opinione dei consumatori sul marchio era negativa: lo consideravano inespressivo e imitativo.

Un nuovo CEO, Johan Seitz, è venuto in soccorso dell’azienda. E in breve tempo è riuscito a riportare l’antico splendore del marchio sportivo, presentandolo sotto una nuova luce e rendendo il logo Puma uno dei più riconoscibili al mondo.

La nascita del Logo Puma

Il gatto selvatico è stato raffigurato sul logo dell’azienda da quando è stato rinominato. L’idea di questa denominazione era, ovviamente, l’agilità e la velocità del gatto selvatico; l’associazione con l’impetuosità e la libertà. E infatti, il nome del nuovo marchio è stato originariamente formato dal nome del suo fondatore.

Quindi, dalla prima apparizione del gatto sul logo Puma sono state apportate diverse piccole modifiche. Le prime due versioni del logo avevano la forma di un esagono irregolare, all’interno del quale un puma saltava attraverso una lettera allungata “D”. Poi il logo è diventato più semplice, lasciando solo il puma stesso, congelato in un balzo libero.

La versione iniziale del famoso logo dell’animale che salta è stata inventata da Rudolf Dassler, il fondatore del marchio tedesco. La scelta di questo particolare rappresentante della fauna non è casuale. Il proprietario della manifattura pensava che gli abiti e le attrezzature prodotte dall’azienda dovessero evocare associazioni con il carattere di un grazioso predatore: flessibilità, agilità, velocità e resistenza. Rudolf era convinto che questi tratti fossero inerenti a tutte le persone che praticano sport. E i vestiti e gli altri accessori PUMA li aiuteranno a raggiungere i loro obiettivi.

La prima bozza, di Rudolph Dassler, non era molto solida. Lo schizzo schematico non ispirava fiducia e non si distingueva per un aspetto attraente e presentabile. Per questo motivo, l’azienda ha deciso di avvalersi dei servizi di un professionista. La scelta cadde su Lutz Backes, noto artista e designer tedesco dell’epoca. Fu lui a inventare l’emblema, che in seguito divenne riconoscibile in ogni angolo del mondo.

La storia del logo Puma

Come abbiamo già accennato, il logo del marchio è stato cambiato parecchie volte nel corso degli anni, anche se il grazioso gatto selvatico ha sempre fatto parte dello stemma, ad eccezione di una sola versione, utilizzata da Puma per due anni negli anni ’70. Ma quel design significa anche molto per l’azienda, e la sua spessa linea nera, che sale verso l’alto e si restringe verso l’alto, è ancora utilizzata dal marchio per decorare i suoi capi e le sue calzature.

Cos’è Puma?
Puma è il nome di un famoso marchio di abbigliamento sportivo e calzature, fondato in Germania nel 1948, e oggi è diventato una delle aziende più grandi al mondo nel suo segmento, con le boutique Puma dislocate in tutti i continenti e i suoi prodotti distribuiti in tutto il mondo.

1948 – 1968

Puma-1948-logo

Il primissimo logo per Puma fu introdotto nel 1948 e vantava un’immagine monocromatica, in cui il grazioso gatto selvatico nero saltava su una lettera “D” appuntita e stretta, che presentava anche i colori neri ma era delineata in bianco.

Il marchio ha utilizzato anche una versione a colori invertiti di quel badge, posizionando un animale bianco con la lettera su uno sfondo esagonale nero.

1951 – 1968

Puma-1951-logo

La riprogettazione del 1951 ha portato più geometria e lettering al logo originale, racchiudendolo in una doppia cornice esagonale, dove la scritta “Rudolf Dassler Schufabrik” è stata posta lungo il perimetro. Il marchio “puma” è stato scritto in un grassetto nero con linee arrotondate.

Era il distintivo più geometrico mai usato dal marchio, e il gatto selvatico qui era troppo piccolo per rappresentare tutte le idee di grazia, flessibilità e resistenza di Dassler.

1958 – 1968

Puma-1958-logo

Nel 1958 il marchio usò il suo logotipo insieme al nuovo emblema, che iniziò ad essere posizionato su tutte le scarpe del marchio: una striscia sagomata liscia ed elegante, una linea curva, che si restringeva verso l’alto. Fino ad oggi l’azienda utilizza questo emblema minimalista sui propri capi, come significante sulla maggior parte delle sneakers, prodotte con il marchio Puma. Questo simbolo è diventato popolare quanto le strisce Adidas o lo swoosh Nike.

1968 – 1970

Puma-1968-logo

Il gatto nero è tornato nell’identità visiva del marchio nel 1968, ed è stato l’unico elemento del logo ad avere i suoi contorni originali rifiniti e puliti. Era un emblema minimalista, che rimase in azienda solo per due anni, e in seguito fu leggermente modificato.

Il figlio di Rudolf, Gerd Dassler, era amico del fumettista Lutz Backes. Fu lui a ricevere l’incarico di disegnare il nuovo logo di Puma. A Backes è stato offerto un centesimo per ogni articolo di marca venduto con la sua creazione, ma ha deciso di prendere semplicemente 600 marchi dall’azienda. Inoltre, ha ricevuto un paio di scarpe e una borsa sportiva.

1970 – 1974

Puma-1970-logo

Il puma iniziò ad essere posizionato più verticalmente nel 1970. Fu allora che nacque l’attuale predecessore dell’attuale stemma iconico. Il suo colore principale è passato dal nero al bianco e la sagoma dell’animale ha acquisito un delicato contorno nero, che lo ha reso ancora più aggraziato ed elegante. Questo era anche uno dei soli tre stemmi Puma, disegnato senza alcuna scritta.

1974 – 1976

Puma-1974-logo

Il gatto che salta diventa di nuovo nero e viene posizionato a destra del marchio in grassetto ingrandito in un carattere sans-serif personalizzato con angoli arrotondati delle lettere. La composizione è posta su uno sfondo chiaro e racchiusa in una cornice rettangolare allungata orizzontalmente.

Un’altra tavolozza di colori è stata utilizzata dal marchio durante questo periodo: scritte gialle e un’icona su sfondo verde, una combinazione fresca e luminosa, sinonimo di crescita, progresso e motivazione.

1976 – 1978

Puma-1976-logo

La striscia di forma sostituisce nuovamente il gatto nel 1976, essendo posta sotto il logotipo in corsivo in minuscolo, eseguito in linee spesse di un moderno ma piuttosto semplice carattere tipografico sans-serif, con la barra verticale della “P” allungata.

1978 – 1980

Puma-1978-logo

Le lettere del logo sono tornate maiuscole nel 1978 e nello stesso anno è tornato il puma che salta. Era un logo iniziale che tutti possiamo vedere oggi. Il gatto in nero è stato posizionato sopra la cena in alto a destra del marchio denominativo.

1980 – Oggi

Puma-1980n-logo

Il marchio ha anche iniziato a utilizzare solo il simbolo del puma senza aggiunte nel 1989, e questa è l’icona che possiamo vedere ancora oggi, con contorni perfettamente puliti e ammorbiditi del gatto selvatico, che indicano l’eleganza, l’atemporalità e l’approccio professionale dell’azienda.

1980 – 1988

Puma-1980-logo

Un’altra versione, creata nel 1989, presentava una combinazione di simboli iconici Puma, un viaggio di forme e un gatto che salta, aggiungendo un’immagine leggermente sfumata al logotipo e mantenendo l’animale che salta al suo posto.

1988 – Oggi

Logo Puma

Oggi il marchio utilizza ancora il suo logo, introdotto nel 1988, che è quasi una copia della versione 1980’a, ma con le linee delle lettere raddrizzate e ammorbidite. Il carattere liscio e chic rende l’intera immagine elegante e raffinata, aggiungendo un senso di affidabilità e competenza a tutte le qualità del marchio.

Font

Il carattere tipografico utilizzato nell’attuale marchio denominativo ricorda in qualche modo quello creato nel 1957 da Rudolf Dassler. Ancora una volta, dominano le forme rotonde e non ci sono angoli acuti. Tuttavia, il carattere tipografico attuale è più solido e le lettere sono state leggermente modificate.

I caratteri commerciali più vicini a quello utilizzato nelle insegne Puma sono, probabilmente, Quandor Regular, o FF Softsoul Std Bold, con alcune modifiche significative dei contorni.

Colore

Tipicamente il logo Puma è rappresentato in nero su sfondo bianco. Tuttavia, nel caso in cui il contesto richieda un’altra scelta di colore, è possibile vedere il logo del marchio incastonato in linee bianche su uno sfondo rosso pieno o in una tavolozza di colori blu scuro e bianco. Tutte le versioni sembrano ugualmente forti e progressive.

Perché Puma ha scelto il proprio logo?
Il puma è apparso sul logo del marchio fin dall’inizio dell’azienda. L’animale che salta è una rappresentazione del movimento e della potenza, rappresenta anche la libertà e la velocità, le qualità che sono fortemente legate allo sport.

Perché il logo Puma è nero?
La tavolozza di colori minimalista dell’identità visiva Puma, bianco e nero, consente di posizionare il badge su qualsiasi sfondo, senza perdere la sua riconoscibilità e forza. Il nero è un colore di eccellenza e stabilità, che ha anche elevato l’immagine dell’azienda agli occhi dei clienti.