Puma LogoPuma logo PNG

Sebbene il primo logo PUMA sia stato introdotto nel 1948, non era molto degno di nota, quindi l’azienda preferisce menzionare l’emblema del 1957 come primo.

Significato e storia

storia del logo Puma

L’iconico logo Puma fu introdotto per la prima volta nel 1948 e presentava quasi lo stesso gatto selvatico che saltava che tutti noi ci siamo abituati a vedere oggi. Anche se sui primi emblemi Puma il gatto balzava attraverso le lettere stilizzate “D”, che stavano per il nome del fondatore del marchio, Rudolf Dassler.

1948 – 1968

Puma-1948-logo

Il primissimo logo per Puma fu introdotto nel 1948 e vantava un’immagine monocromatica, in cui il grazioso gatto selvatico nero saltava con la schiuma una lettera “D” affilata e stretta, che presentava anche colori neri ma era delineata in bianco.

Il marchio ha anche utilizzato una versione a colori invertiti di quel badge, posizionando un animale bianco con la lettera su uno sfondo esagonale nero.

1951 – 1968

Puma-1951-logo

La riprogettazione del 1951 ha portato più geometria e scritte al logo originale, racchiudendolo in una doppia cornice esagonale, dove l’iscrizione “Rudolf Dassler Schufabrik” è stata posta attorno al perimetro.

Al centro del distintivo sotto l’immagine del gatto che salta, il marchio “Puma” era scritto in un carattere nero in grassetto con linee arrotondate.

1958 – 1968

Puma-1958-logo

Nel 1958 il marchio usò il suo logotipo insieme al nuovo emblema, che iniziò ad essere apposto su tutte le scarpe dell’etichetta: una striscia di forma liscia ed elegante, una linea curva, che si restringeva verso l’alto.

1968 – 1970

Puma-1968-logo

Il gatto nero è tornato all’identità visiva del marchio nel 1968 ed era l’unico elemento del logo, avendo i suoi contorni originali raffinati e puliti. Era un emblema minimalista, che rimase in azienda solo per due anni, e in seguito fu leggermente modificato.

1970 – 1974

Puma-1970-logo

Il puma iniziò ad essere posizionato verticalmente nel 1970. Il suo colore principale passò dal nero al bianco e la silhouette dell’animale acquisì un delicato contorno nero, che lo rese ancora più aggraziato ed elegante.

1974 – 1976

Puma-1974-logo

Il gatto che salta diventa di nuovo nero e viene posizionato a destra dal segno in grassetto ingrandito in un carattere sans-serif personalizzato con angoli arrotondati delle lettere. La composizione è posta su uno sfondo chiaro e racchiusa in una cornice rettangolare allungata orizzontalmente.

Un’altra tavolozza di colori era usata dal Brad durante questo periodo: lettere e icone gialle su sfondo verde, una combinazione fresca e luminosa, che rappresentava crescita, progresso e motivazione.

1976 – 1978

Puma-1976-logo

La striscia sagomata sostituisce nuovamente il gatto nel 1976, essendo posta sotto il logotipo in corsivo in minuscolo, eseguito in linee spesse di un carattere sans-serif moderno ma piuttosto semplice, con la barra verticale della “P” allungata.

1978 – 1980

Puma-1978-logo

Le lettere del logotipo furono nuovamente maiuscole nel 1978 e il puma saltellante tornò nello stesso anno. In realtà era un logo iniziale che tutti possiamo vedere oggi. Il gatto in nero è stato posizionato sopra la cena in alto a destra del marchio.

1980 – Oggi

Puma-1980n-logo

Il marchio ha anche iniziato a utilizzare solo il simbolo del puma senza ulteriori nel 1989, e questa è l’icona che possiamo ancora vedere oggi, con i contorni perfettamente puliti e ammorbiditi del gatto selvatico, che punto di eleganza, atemporalità e approccio professionale dell’azienda .

1980 – 1988

Puma-1980-logo

Un’altra versione, creata nel 1989, presentava una combinazione di entrambi i simboli iconici Puma, una striscia sagomata e un gatto che salta, aggiungendo un’immagine sfumata leggera al logotipo e mantenendo l’animale che salta al suo posto.

1988 – Oggi

Logo Puma

Oggi il marchio utilizza ancora il suo logo, introdotto nel 1988, che è quasi la copia della versione degli anni ’80, ma con le linee delle lettere raddrizzate e ammorbidite. Il carattere liscio ed elegante rende l’intera immagine elegante e raffinata, aggiungendo un senso di affidabilità e competenza a tutte le qualità del marchio.

Font

Il carattere tipografico utilizzato nell’attuale marchio denominativo assomiglia in qualche modo a quello creato nel 1957 da Rudolf Dassler. Ancora una volta, dominano le forme rotonde e non ci sono angoli acuti. Tuttavia, il carattere tipografico corrente è più solido e le lettere sono state leggermente alterate.

Colore

In genere il logo PUMA è visualizzato in nero su sfondo bianco. Tuttavia, nel caso in cui il contesto richieda un’altra scelta di colore, è anche possibile.