Publix logo PNG

Una delle più grandi catene alimentari regionali americane, Publix ha un logo semplice ma riconoscibile. Le lettere arrotondate hanno uno stile divertente e invitante.

Significato e storia

storia del logo Publix

Nel 1933–1972, Publix usava un logo circolare con la parola “PUBLIX” al centro. Sotto di esso, si possono vedere le lettere “mercati” in lettere molto più piccole. Le lettere della parola principale sembravano spremute, il che danneggiava la leggibilità.
Nel 1972 fu introdotto un logo con una grande “P” bianca su sfondo verde chiaro. Il cerchio all’interno della “P” era verde scuro.

1930
Publix logo 1930

Il primo Publix Food Store iniziò a funzionare a Winter Haven, in Florida, nell’autunno del 1930. Per i primi quattro decenni della sua esistenza, l’azienda utilizzò un logo che non assomigliava per niente a quello attuale.
Il logo Publix originale mostrava il nome del marchio in un tipo sans serif. I glifi erano in grassetto e avevano proporzioni allungate. Anche la parola “Mercato” di seguito è stata data in un sans, ma aveva proporzioni più tradizionali.
Il marchio denominativo è stato posizionato all’interno di un cerchio con una linea tratteggiata attorno al bordo. Questo particolare rivestimento ha dato un tocco unico al logo altrimenti generico.

1972
Publix logo 1972

Questo è quando è iniziata l’era della “P” arrotondata e del colore verde. Oltre ad essere l’iniziale del nome del marchio, la lettera sembrava anche la strada. Il rettangolo bianco in basso a destra potrebbe essere interpretato come un parcheggio vicino ai supermercati della catena. Quindi, in un certo senso, il logo Publix era una sorta di segno di benvenuto per coloro che passavano o passavano.
Il design originale mostrava la “P” in bianco con un riempimento verde scuro e uno sfondo verde chiaro. Nell’angolo in basso a destra, c’era la parola “Publix” in verde scuro. La “P” nel nome del marchio era la stessa di quella grande, mentre tutte le altre lettere ne riprendevano la forma. La “b” sembrava una “P” invertita, mentre il punto sopra la “i” era più grande del solito, il che sottolineava la sua somiglianza con il cerchio verde all’interno dell’emblema “P”.
L’uso del colore verde può essere in parte spiegato dal fatto che circa il 90% dei negozi include una farmacia. Fa parte del colore verde anche la “promessa” subliminale dei prodotti naturali.

1976
Publix logo 1976

Nel 1976, la tendenza minimalista era già abbastanza ovvia. Inoltre, da allora, il tema del “segno di benvenuto” aveva probabilmente raggiunto il suo scopo. L’azienda ha deciso di creare un logo aggiuntivo. Qui, hanno tagliato il logo precedente lasciando solo il marchio.
Sembrava quasi lo stesso del logo precedente con lo stesso carattere arrotondato. C’erano anche un paio di modifiche in quanto ora non c’era bisogno di “fare rima” il marchio con l’emblema “P” e inserirlo in uno spazio più piccolo. Ecco perché lo spazio di respiro tra le lettere è cresciuto di gran lunga più generoso, mentre il punto sopra la “i” è tornato alla sua dimensione normale.

2012
Publix logo

È stata svelata una versione ancora più semplice. Qui è rimasta solo la “P”. Ora era bianco all’interno di un cerchio verde scuro. Il colore del cerchio era più vicino al verde scuro del marchio del 1976, ma sembrava un po’ più chiaro. Ciò che rende l’emblema radicalmente diverso dalla versione del 1972 è che la lettera ha un’estremità inferiore chiusa, al contrario dell’estremità “strada aperta” della versione precedente.
La “P” viene utilizzata sia da sola che insieme al marchio denominativo completo.
Il tipo presente nel logo Publix ha glifi simili ai caratteri Opificio Bold e Sinn Bold, sebbene non siano gli stessi.

Simbolo

Confrontando il marchio denominativo con il carattere Opificio Bold, potresti scoprire che sembrano molto simili, in particolare “u” e “b”. Un altro tipo che è abbastanza simile nello stile è Sinn Bold. Questo font è stato sviluppato da Alec Julien e pubblicato da Haiku Monkey.
Tuttavia, questi tipi non sono stati presi come erano. Ad esempio, la “P” è completamente diversa dal rispettivo glifo del tipo Opificio Bold. Sul logo Publix, l’iniziale maiuscola appare di gran lunga più amichevole grazie alla sua forma arrotondata.

Emblema

Mentre questo logo è solo un segno denominativo senza elementi pittorici, c’è un interessante effetto grafico ad esso – la parola sembra essere stata suddivisa in due parti. Ciascuna delle parti differisce nello stile. Le lettere “Pub” hanno una struttura arrotondata e sono basate su una forma circolare. Nel complesso, hanno uno stile piuttosto amichevole. La scritta “lix” è più spigolosa e sottile.
Eppure, ciascuna delle due parti ha alcuni elementi che la collegano all’altra parte. Potresti notare che le estremità di tutte le lettere non sono arrotondate. Inoltre, il punto sulla “I” è arrotondato.
Poiché la società non ha fornito alcuna spiegazione in merito a questo logo, non possiamo dire con certezza se l’effetto deriva solo dal fatto che le lettere “p”, “u” e “b” sono arrotondate in se stesse o se il il contrasto è stato usato apposta.

Font

Come abbiamo accennato in precedenza, il carattere presente sul logo Publix è abbastanza simile a Opificio Bold. Questo è un tipo sans serif sviluppato da Andrea Cerboneschi e pubblicato da Monofonts. È uno dei caratteri più popolari introdotti da questo tipo di fonderia. Opificio è un font sans serif geometrico creato per un laboratorio artigianale Opificio JM con sede a Prato, Toscana, Italia. Il design è stato sviluppato in collaborazione con John Malkovich.

Colori

Publix logo

Il verde simboleggia la natura e la sicurezza. Questo sembra andare bene con il concetto di vendita al dettaglio di GreenWise Market e il fatto che circa il 90% dei negozi Publix ha una farmacia.