Il primo logo Panasonic, introdotto nel 1955, presentava una forma triangolare simile a una montagna nel mezzo del marchio denominativo. Da allora, l’emblema ha subito un paio di modifiche.

Significato e storia

La versione del 1966 presentava il marchio denominativo in un tipo tutto maiuscolo personalizzato e una forma rettangolare sulla sinistra. Inoltre, c’era un’iscrizione “By Matsushita Electric”.
Oggi l’azienda utilizza un semplice marchio blu con alterazioni occasionali, che possono includere effetti visivi speciali o un cambio di colore. È stato introdotto nel 1971.

Origini del simbolo del 1966

In origine, il marchio “Panasonic” veniva utilizzato per gli altoparlanti esportati, mentre il marchio principale della casa madre, Matsushita Electric, era chiamato National. Fu il marchio nazionale che per primo usò il simbolo della “N” maiuscola e il cerchio con due fulmini che in seguito furono adottati come logo Panasonic. Il cerchio con i fulmini fu usato per la prima volta nel 1937, mentre il logo “N” fu adottato nel 1959.

Font

Il tipo utilizzato nel marchio denominativo è Helvetica Black, un classico carattere sans-serif. La mancanza di caratteristiche insolite può essere interpretata come il desiderio del marchio di sottolineare che i suoi prodotti sono classici e affidabili, garantendo un funzionamento regolare. Possiamo citare, tuttavia, la campagna pubblicitaria “Meraviglie” del 2014 che presenta un tipo più stravagante.

Colore

L’attuale versione del logo Panasonic si basa sulla combinazione di due colori: blu scuro e bianco (per lo sfondo). La tonalità di blu utilizzata comunica le idee di futuro luminoso e coerenza. In alternativa, è possibile utilizzare una versione in bianco e nero, nonché una combinazione di una tonalità più chiara di blu con rosso (campagna pubblicitaria nazionale Panasonic).