Mennonite Central Committee logoMennonite Central Committee logo PNG

MCC è un’organizzazione anabattista globale senza scopo di lucro che rappresenta 15 corpi mennoniti, fratelli in Cristo e Amish in Nord America. L’organizzazione afferma che le sue missioni principali sono il soccorso, lo sviluppo e la pace. Il suo lavoro si basa sulla collaborazione con partner e chiese locali.

Significato e storia

storia Mennonite Central Committee logo
Durante i primi cento anni della sua storia, l’organizzazione aveva solo due loghi ufficiali. In entrambi i casi, il logo MCC era basato sulla forma del cerchio.

Cos’è MCC
Mennonite Central Committee è un servizio di soccorso e agenzia di pace. L’organizzazione benefica senza scopo di lucro ha sede ad Akron, Pennsylvania (sede centrale negli Stati Uniti) e a Winnipeg, Manitoba (sede centrale in Canada).

1920 – 1940

MCC è stata fondata a Chicago, nell’Illinois. La data della sua prima riunione, 27 settembre 1920, è considerata la data di formazione ufficiale dell’organizzazione. L’obiettivo iniziale era alleviare la fame in Ucraina, dove vivevano molti mennoniti. Con il tempo, è diventato evidente che l’organizzazione è in grado di aiutare non solo i mennoniti ma anche altre persone in tutto il mondo, fornendo vari tipi di opere di soccorso.
Durante i primi quattro decenni, l’organizzazione non aveva un’identità visiva del marchio definita.

1940 – 1970
Mennonite Central Committee logo 1940

Il primo logotipo ufficiale è stato creato da Arthur Sprunger. Il significato dietro ciascuno dei suoi elementi è trasparente. C’è la croce, per alludere al cristianesimo, la colomba della pace, e la corona d’alloro. Le due mani qui sono il simbolo dell’aiuto (o anche della salvezza) piuttosto che della collaborazione poiché una di esse è posizionata sopra l’altra. È anche un riferimento alla storia di Dirk Willems, che salvò il suo inseguitore.

1970 – presente

Mennonite Central Committee logo

La seconda versione è stata creata da Kenneth Hiebert per commemorare il 50° anniversario dell’organizzazione. Si è ispirato al design svizzero, uno stile che combina forme semplici e funzionali e sottolinea l’importanza dell’obiettività.
Hiebert ha preso in prestito gli elementi principali del design originale e li ha presentati in un emblema più minimalista. Era anche più astratto.
La parte più evidente è la combinazione di due simboli cristiani, la croce e la colomba della pace. Questi simboli sono universali e sono usati così spesso che è estremamente difficile presentarli in un modo unico. Hiebert ha fatto esattamente questo fondendo la colomba e la croce in un’unica forma. La sua parte destra ha morbide linee sinuose mutuate dalla colomba, mentre la parte sinistra si basa sugli angoli retti della croce.
Lo stemma è posto all’interno di un cerchio, che riprende anche il logo originale del Comitato Centrale Mennonita.
Questa volta, il nome dell’organizzazione è stato rimosso dallo stemma e posizionato a destra. Di conseguenza, il nome è meglio leggibile a qualsiasi dimensione e non rende il logo ingombrante. Dovremmo ricordare che questo wordmark è stato aggiunto in seguito.
Il manuale di stile ufficiale spiega che il logo MCC è stato volutamente creato in modo tale da “richiedere un momento di partecipazione molto attiva da parte dello spettatore”. In altre parole, lo spettatore deve fare uno sforzo per rendersi conto di cosa tratta l’immagine.
Inoltre, MCC afferma che il logo presenta il marchio come una combinazione di due serie di qualità: essere “onesto e diretto”, mentre è anche “fantasioso e partecipativo”. In altre parole, “informa e stimola nuove conoscenze”.

Colori e carattere

Mentre le versioni originali erano in bianco e nero, la tavolozza è stata successivamente ammorbidita da una sfumatura verdastra di blu. Il tipo utilizzato nel logo MCC è Helvetica. È un font immensamente popolare che è stato utilizzato in migliaia se non milioni di loghi. Uno dei motivi per cui è stato utilizzato qui era che l’emblema stesso era abbastanza unico, quindi non aveva bisogno di un marchio di parole squisito per essere riconosciuto immediatamente. Al contrario, un simile marchio denominativo avrebbe eclissato la parte pittorica.