La Poste LogoLa Poste Logo PNG

La Poste è una società di servizi postali in Francia. La storia dell’azienda può essere fatta risalire a secoli fa. Nel Medioevo il recapito postale era effettuato da imprese private e solo durante la Rivoluzione francese divenne un servizio pienamente pubblico. Nel 1879, le poste e i telegrafi si fusero sotto la guida del governo francese e fu costituita la P&T (“Postes et télégraphes”), che in seguito fu trasformata in PTT (“Postes, télégraphes et téléphones”). Alla fine, tuttavia, le due filiali sono state divise e La Poste è stata creata ufficialmente nel 1991.

Significato e storia

storia La Poste Logo
Dal 1960, il logo di La Poste si basa sullo stesso simbolo: un uccello blu stilizzato in volo, il cosiddetto “uccello postale” (“l’oiseau postal”). L’uccello disegnato da Guy Georget simboleggia un messaggero. La forma della freccia, a sua volta, simboleggia la velocità con cui l’azienda consegna i messaggi. Tuttavia, prima che l’azienda adottasse il simbolo dell’uccello e iniziasse a sperimentarne la forma, è passata attraverso una serie di altri loghi.

1900 – 1930
La Poste Logo 1930

I loghi più antichi della lista sperimentano i vecchi nomi dell’azienda, la P&T o la PTT. In genere, rappresentavano le lettere intrecciate in modo intricato. La versione utilizzata nei primi tre decenni del XIX secolo era eccezionalmente elegante con le sue curve e le transizioni morbide da sottile a spessa.

Cos’è La Poste
La Poste ha sede a Parigi, Francia. Opera nella Francia metropolitana e fornisce i suoi servizi anche nei cinque dipartimenti e regioni francesi d’oltremare.

Il rovescio della medaglia era che era appena leggibile e sembrava più il monogramma di un aristocratico.

1930 – 1934
La Poste Logo 1930

Questo sembra più moderno grazie alle forme più semplici. Eppure, l’effetto monogramma è ancora lì.

1934 – 1953
La Poste Logo  1934

Questa versione sembra ancora più moderna perché le lettere hanno forme più semplici, non ci sono curve elaborate e i dettagli decorativi sono meno.

1953 – 1960
La Poste Logo 1953

Il design è un po’ più semplice, ma il problema della leggibilità è ancora presente.

1960 – 1978
La Poste Logo 1960

È allora che è apparso l’iconico uccellino blu, che da allora è presente nel logo di La Poste. L’uccello sembra essere stato fatto con un pezzo di carta, il che supporta l’interpretazione di “invio di messaggi”.

In origine, l’uccello spesso non era di colore blu, ma era impresso su superfici gialle di autobus e cassette postali.

1978 – 1984
La Poste Logo 1978

L’uccello è stato ridisegnato dalla stessa persona che aveva disegnato l’originale, Georget. Da un lato, ha perso la simmetria. Dall’altro, ora sembra più dinamico: puoi sentirlo in volo, non solo capirlo con la tua mente cosciente.

1984 – 2005
La Poste Logo  1984

Qui, l’uccello è posizionato a destra del marchio denominativo. Il wordmark è impostato in un tipo serif. Non uno storico, con curve eleganti, ma un font più semplice dove tutte le linee hanno quasi lo stesso spessore.

Il marchio e l’emblema sono posti sullo sfondo giallo.

2005 – 2012
La Poste Logo 2005

L’uccello è ora posizionato all’interno di un’ellisse gialla. A causa del gradiente, l’ellisse ha adottato un tocco 3D, quindi l’emblema sembra un distintivo in rilievo. Il nome del marchio è posto all’interno di una striscia grigia che va dietro il badge blu. Il tipo è un sans e sembra più laconico del suo predecessore.

2012 – 2018
La Poste Logo 2012

Il badge è stato ingrandito. La striscia è scomparsa. Il marchio denominativo è posizionato sotto l’ellisse ed è indicato in grigio su sfondo bianco. Il semplice carattere in corsivo offre un’eccellente leggibilità e aggiunge un tocco dinamico che rispecchia la sensazione di movimento comunicata dall’emblema sopra.

2018 – presente
La Poste Logo

Il badge è diventato un po’ più piatto in quanto ha perso le sfumature e alcuni dei punti salienti. Tuttavia, c’è ancora una certa dimensione. Il tipo è stato raddrizzato.

Colori

Dagli anni ’60, il colore primario associato al marchio è stato il giallo. Prima di allora, i furgoni postali erano verdi, mentre le cassette postali erano blu. La scelta del giallo può essere spiegata dal fatto che è un colore accattivante che connota luce e velocità.