IBM logo

IBM logo PNG

IBM è una società IT degli Stati Uniti, fondata nel 1889 come ITRC, che sta per International Time Recording Company. IBM, una delle aziende leader a livello mondiale nel suo segmento, è specializzata nella produzione di software e hardware, oltre a fornire vari servizi, tra cui supporto e consulenza.

Significato e storia

storia del logo IBM

L’identità visiva del famoso marchio è stata molto costante dal 1947, quando la società International Business Machine ha ottenuto il suo nuovo nome. Prima di allora, il gruppo aveva una storia piuttosto intensa, che include quattro nomi diversi e quattro diversi concetti di logo.

1889 – 1914

IBM è stata fondata a seguito di una fusione di due aziende: International Time Recording Company e Computing Scale Company. Il logo del primo fu introdotto nel 1889 e presentava un monogramma ITRCo elegante ed elegante, eseguito in un carattere serif dritto ma elegante in una tavolozza di colori monocromatica.

1891 – 1914

Il logo della Computing Scale Company vantava una scritta CSCo liscia e decorata, dove il grassetto Las ”era posto all’interno di una“ C ”a forcella ed era seguito da una“ Co ”più piccola.

1910 – 1924

Le società si fusero in Computing-Tabulating-Recording Company nel 1910, con il logo creato nello stesso anno. Il nuovo monogramma, racchiuso in una cornice circolare molto sottile, è stato eseguito in un carattere tipografico personalizzato audace ed elegante, dove entrambe le “C” erano scritte in uno stile a quadrilatero, “R” aveva la coda allungata e curva, e “T” era diretto e rigoroso.

1924 – 1947

L’azienda fu ribattezzata International Business Machines nel 1924 e il nuovo logo apparve nello stesso anno. Era un’iscrizione in grassetto sans-serif, stilizzata come un globo, con “Business” in alto e “Machines” in basso scritte in nero e separate da un “equatore” bianco nero con la scritta “International” bianca su di esso. L’immagine aveva lo scopo di mostrare la volontà dell’azienda di entrare nel mercato internazionale e di diventare un grande attore.

1947 – 1956

International Business Machines diventa IBM nel 1947. Il nuovo logo è minimalista ma solido: è composto da un logotipo azzurro e calmo con le lettere maiuscole eseguite in una forma quadrata e massiccia di un carattere serif.

1956 – 1967

La riprogettazione del 1956 mantiene intatta la tavolozza dei colori del logo IBM, ma ne affina il carattere tipografico, allungando i serif e rendendoli più visibili. Un’altra modifica è stata apportata allo spazio negativo della lettera “B”, che si è trasformata in due quadrati bianchi.

1967 – 1972

La prima versione dell’attuale iconico logo IBM a strisce fu introdotta nel 1967. Era una versione modificata dell’emblema precedente, in cui l’iscrizione blu era tagliata orizzontalmente in 13 strisce uguali.

1972 – Oggi

Il numero di strisce è stato ridotto a otto nel 1972. Ora il logo ha iniziato a sembrare più audace e più sicuro, e l’uso della tonalità più scura della scimmia blu ha elevato il senso di solidità e forza. Questa riprogettazione è stata tenuta da Paul Rand e l’emblema, creato da un famoso designer, è ancora utilizzato dal marchio.

2018 – Oggi

IBM logo

Nel 2018 l’azienda decide di riportare in vita il suo logo originale “completo”, creato nel 1956 ma cambia la sua tavolozza di colori. Ora è un’iscrizione bianca “IBM”, posta in un rettangolo grigio scuro orientato orizzontalmente.

Font

Il logotipo di IBM è eseguito in un carattere serif personalizzato in grassetto, basato su uno dei caratteri tradizionali, come Galería o Egiziano, ma con cerchi nella lettera “B” sostituiti da quadrati e serif del taglio “M” dall’interno e velocità verso l’esterno.

È un’iscrizione forte con carattere e spirito individuali. Le linee rette delle lettere e i tagli squadrati distintivi dei bordi evocano un senso di potere, influenza e una reputazione perfetta.

Colore

Indovina perché a volte IBM viene definito “Big Blue”? La combinazione di colori blu del logo che l’azienda ha utilizzato dal 1972 al 2016 è la ragione più importante per questo. Tuttavia, il soprannome può anche essere spiegato dal fatto che la società aveva un codice di abbigliamento con abiti blu.