Sanctions on Russia in 2022

Di seguito ti presentiamo un elenco di società che stanno chiudendo le operazioni nel mercato russo o vendono beni russi. Ciò è dovuto all’operazione speciale della Russia sul territorio dell’Ucraina.

Alcune società hanno interrotto completamente la loro attività commerciale in Russia, altre riducono temporaneamente le operazioni e continuano a restituire opzioni e alcuni marchi limitano le operazioni commerciali o interrompono gli investimenti e l’espansione.

Poiché la situazione continua a cambiare ogni giorno e la gestione delle società internazionali può passare da un’opzione di restrizione all’altra, abbiamo suddiviso le società in settori delle loro attività. L’elenco verrà aggiornato.

Vedere al dettaglio
decision on russia Retail

La Sospensione delle attività di queste aziende è, probabilmente, quella più sentita dai cittadini russi, che si sono abituati a vedere questi negozi e marchi in tutte le loro città, quindi l’assenza dei soliti banner e loghi non può fare a meno di interessare tutti umore.

La società spagnola Inditex sospende le attività in Russia, chiudendo temporaneamente oltre 500 negozi. Questo sarà doloroso. Molto probabilmente, questi marchi saranno sostituiti da produttori cinesi e indiani. Ecco l’elenco dei marchi dell’azienda:

  • Zara
  • Massimo Dutti
  • Bershka
  • Pull&Bear
  • Stradivarius
  • Oysho
  • Uterque
  • Enaire

I negozi dei marchi appartenenti al gruppo di società LVMH saranno temporaneamente chiusi in Russia. Ecco l’elenco completo dei marchi LVMH:

  • Louis Vuitton
  • Moet Chandon
  • Hennessy
  • Fendi
  • Marc Jacobs
  • Bulgari
  • Givenchy
  • Rimowa
  • Dom Perignon
  • Berluti
  • Celine
  • Loewe
  • Sephora
  • Guerlain
  • Loro Piana
  • TAG Heuer
  • Veuve Clicquot
  • Champagne Krug
  • Kering
  • Benefit Cosmetics
  • Belvedere Vodka
  • Thomas Pink
  • Champagne Mercier
  • Cloudy Bay Vineyards
  • Domaine Chandon California

Swarovski, uno dei maggiori fornitori mondiali di cristalli, gioielli, abbigliamento e illuminazione, ha sospeso le vendite in Russia.

Hermes, la casa di moda francese di fascia alta, ha chiuso i suoi negozi in Russia dal 5 marzo, il che significa che è stata una delle prime a reagire alla situazione.

Anche un’altra iconica casa di moda, Chanel, ha sospeso le sue attività in Russia.

H&M, uno dei più famosi rivenditori di moda, ha deciso di sospendere temporaneamente tutte le vendite in Russia.

Ikea ha chiuso da tre mesi tutti i suoi negozi in Russia. L’azienda ha sospeso la collaborazione con i fornitori bielorussi. Perdere Ikea è stata la cosa più dolorosa per i cittadini russi e l’ultimo giorno di attività dei suoi negozi, le persone stavano comprando letteralmente di tutto.

Jysk, il rivenditore di mobili danese, ha chiuso 13 negozi in Russia. Il rivenditore dice che è la decisione finale.

La catena di ipermercati edili OBI ha annunciato la chiusura della propria attività in Russia.

Lego ha interrotto le consegne in Russia. L’iconico produttore di giocattoli si lascia la possibilità di tornare sul mercato russo, ma nessuna previsione.

Mattel, uno dei più grandi produttori di giocattoli al mondo, sospende tutte le attività in Russia.

Il gruppo di società Kering sta chiudendo negozi in Russia. L’azienda possiede marchi di moda di lusso come:

  • Gucci
  • Balenciaga
  • Yves Saint Laurent

Il rivenditore britannico Marks & Spencer ha interrotto le consegne in Russia, ma ha la possibilità di tornare sul mercato.

Il marchio di gioielli di lusso Cartier ha annunciato la sospensione delle attività commerciali in Russia.

eBay ha sospeso la consegna degli ordini alla Russia dal 3 marzo, essendo uno dei primi a reagire alla guerra.

Decathlon sospende le operazioni in Russia. Il marchio possedeva diversi negozi con abbigliamento e attrezzature sportive.

Puma ha annunciato la sospensione delle operazioni in Russia.

Nike ha seguito e sospeso tutte le operazioni anche in Russia.

Un altro marchio sportivo Adidas ha annunciato che avrebbe chiuso i suoi negozi in Russia, ma non avrebbe lasciato il mercato per sempre.

PVH Corp. chiude i negozi e sospende tutte le operazioni commerciali in Russia e Bielorussia. L’azienda possiede i seguenti marchi:

  • Tommy Hilfiger
  • Calvin Klein
  • Speedo
  • Izod
  • True&Co
  • Geoffrey Beene
  • Van Heusen

L’iconico marchio di denim, Levi Strauss, sospende le sue attività commerciali in Russia, compresi eventuali nuovi investimenti.

L’azienda americana di cosmetici e profumi Estee Lauder ha sospeso le attività commerciali in Russia. I marchi dell’azienda sono:

  • Estee Lauder
  • La Mer
  • Aveda
  • Smashbox
  • Too Faced
  • GlamGlow
  • Aerin
  • Bumble and bumble
  • Darphin
  • Le Labo
  • Aramis
  • Lab Series
  • Kilian
  • Frederic Malle
  • MAC
  • Clinique
  • Bobbi Brown
  • Jo Malone
  • Origins
  • DKNY
  • Tom Ford Beauty

Il rivenditore britannico Mothercare, specializzato nella vendita di prodotti per mamme e bambini, cessa le attività in Russia, comprese le spedizioni di prodotti.

Victoria’s Secret, uno dei marchi di lingerie e costumi da bagno più famosi al mondo, chiude temporaneamente tutti i negozi in Russia.

Corporation VF, che possiede i marchi di moda casual e calzature Vans e The North Face, ha annunciato che sospenderà tutte le sue attività commerciali in Russia.

I marchi Reserved e Cropp, che sono di proprietà di una società, hanno chiuso tutti i negozi in Russia e non hanno annunciato alcun piano di ritorno.

L’azienda di cosmetici francese L’Occitane ha annunciato la chiusura di tutti i suoi negozi in Russia, inclusonel suo negozio online.

YOOX rivenditore Internet di moda e accessori di lusso ha sospeso tutte le spedizioni in Russia.

Rolex, il produttore di orologi di lusso più famoso al mondo, sospende tutte le esportazioni in Russia.

Il rivenditore online di moda e accessori Farfetch ha interrotto tutte le spedizioni in Russia

Ferragamo il produttore di abbigliamento e calzature di lusso sospende tutte le spedizioni in Russia.

Crocs, il marchio di calzature casual, ha sospeso tutte le sue operazioni commerciali D2C.

ASOS, uno dei più famosi rivenditori online di moda e accessori a prezzi accessibili, ha deciso di sospendere tutte le spedizioni ai clienti russi.

Uniqlo – il marchio di moda giapponese ha temporaneamente chiuso tutti i negozi in Russia.

Swatch ha temporaneamente interrotto la vendita dei suoi famosi orologi sul territorio della Federazione Russa.

Il marchio di moda americano Ralph Lauren ha chiuso tutti i negozi in Russia.

L’iconica casa di moda Prada interrompe tutte le esportazioni e le spedizioni in Russia.

Canada Goose, il marchio di abbigliamento invernale, ha sospeso tutte le spedizioni in Russia.

Il marchio di lusso britannico Burberry interrompe tutte le spedizioni in Russia.

Farmaceutico, Igiene Personale, Alimentare
decision on russia Pharmaceutical Personal Hygiene Food

Un’altra categoria di aziende molto “notevole” è quella dei produttori di prodotti per la cura della persona, cosmetici e articoli di uso quotidiano. I prodotti scompaiono dagli scaffali e la loro assenza ha un grande impatto sul comfort e sul benessere quotidiano. Lo stesso vale per i fast food super popolari.

Procter&Gamble, il più grande produttore mondiale di prodotti di consumo, ha ridotto significativamente il numero di prodotti sul mercato russo e interrotto tutte le attività di investimento e pubblicità. Per chi sottovaluta l’entità del disastro, ecco l’elenco dei marchi dell’azienda:

  • Head&Shoulders
  • Olay
  • Pampers
  • Pantene
  • Ariel
  • Gilette
  • Tide
  • Oral-B
  • Old Spice
  • Crest
  • Herbal Essences
  • Downy
  • Vicks
  • Always
  • Charmin
  • Clean
  • Febreze
  • Ivory
  • Gain
  • SafeGuard
  • Fairy
  • Ambi Pur

British Unilever smetterà di importare ed esportare prodotti dalla Russia, ma continuerà a fornire ai consumatori russi beni prodotti all’interno del paese. Unilever possiede marchi come:

  • Dove
  • Knorr
  • Rexona
  • Domestos
  • Hellmann’s
  • Magnum
  • Sunsilk
  • Tresemme
  • Lipton
  • Axe
  • Pepsodent
  • Clear
  • Persil
  • Cornetto

Il colosso cosmetico L’Oreal chiude i negozi in Russia e sospende tutti gli investimenti in produzione e pubblicità. L’azienda produce cosmetici e profumi con i marchi:

  • Garnier
  • Maybelline New York
  • Lancome
  • Vichy
  • Kerastase
  • Biotherm
  • Pureology
  • Clarisonic

PepsiCo e Coca-Cola sospenderanno le loro attività in Russia.

Heineken interromperà la produzione di birra con il suo marchio in Russia e tutti i birrifici continueranno ad operare.

Nestlé interrompe tutte le campagne pubblicitarie e gli investimenti in Russia, ma continuerà a vendere i suoi prodotti in Russia.

La società britannica di tabacco Imperial Brands sospende le sue attività e cessa le vendite in Russia.

Philip Morris International intende ridurre la produzione in Russia.

British American Tobacco ha deciso di abbandonare completamente il mercato russo.

Il produttore di alcolici Brown-Forman cesserà le attività in Russia. L’azienda possiede marchi di alcolici come:

  • Finlandia
  • Woodford Reserve
  • Old Forester
  • Chambord
  • Early Times
  • BenRiach
  • GlenDronach
  • Canadian Mist
  • Tequila Herradura
  • Glenglassaugh

Mars, che possiede Mars, Snickers, Twix, Bounty, Milky Way, Orbit, Whiskas e Pedigree, ha annunciato che lascerà il mercato russo.

Colgate limiterà la fornitura di prodotti in Russia.

Il produttore finlandese di prodotti lattiero-caseari Valio ha interrotto tutte le attività commerciali in Russia.

Il produttore di caffè Paulig cessa l’attività in Russia.

La società americana AbbVie ha smesso di fornire Botox e riempitivi alla Russia.

Amway, produttore internazionale di prodotti per la salute e la bellezza, sospende le attività in Russia.

Anche Carlsberg lascia il mercato russo.

Johnson&Johnson interrompe la fornitura di prodotti per la cura personale alla Russia. L’azienda possiede decine di marchi di beni di consumo, che interessano tutte le sfere della vita.

La società britannica Reckitt, che è il produttore di Durex, Contex, Vanish e Nurofen, ha avviato il processo di trasferimento della proprietà delle sue attività russe.

McDonald’s sta chiudendo quasi 850 ristoranti in Russia. La parte triste qui è che l’azienda impiega 62.000 persone in Russia.

Il proprietario del marchio KFC sospende gli investimenti in Russia.

Starbucks sospende le operazioni in Russia.

Burger King smetterà di supportare i ristoranti in Russia.

La catena di fast food finlandese Hesburger prevede di chiudere tutti i suoi ristoranti in Russia e Bielorussia entro la fine dell’estate.

Dunkin Donuts interrompe il supporto aziendale agli affiliati russi.

Macchine
decision on russia Cars

L’uscita dal mercato russo delle aziende automobilistiche colpisce non solo i proprietari di automobili in tutto il paese, ma anche la maggior parte degli stabilimenti impegnati nella produzione di veicoli e componenti automobilistici. La situazione economica in molte regioni dipende da questi impianti di produzione. Le case automobilistiche cinesi hanno aumentato le vendite.

Le case automobilistiche che hanno sospeso l’esportazione di automobili o componenti:

  • Audi
  • General Motors
  • Harley-Davidson
  • Jaguar Land Rover
  • Scania
  • Skoda
  • Porsche

Honda, la famosa casa automobilistica giapponese ha chiuso le vendite in Russia.

Le società di automazione che hanno congelato la produzione dei loro veicoli sul territorio della Russia:

  • BMW Group
  • Ford
  • Hyundai
  • MAN
  • Mercedes-Benz
  • Renault
  • Volkswagen
  • Volvo Group

Daimler Truck ha interrotto la collaborazione con KamAZ.

La giapponese Mitsubishi Motors Corporation ha annunciato che sospenderà la fornitura di automobili e pezzi di ricambio alla Russia, nonché la sua produzione.

Nissan si prepara a chiudere lo stabilimento automobilistico di San Pietroburgo e ha sospeso le esportazioni di automobili in Russia.

La Ferrari decise di interrompere la produzione di auto per il mercato russo.

La società francese Alstom SA sospende le consegne e gli investimenti futuri in Russia.

La General Electric americana ha annunciato la sospensione delle operazioni in Russia.

Il produttore di pneumatici giapponese Bridgestone ha deciso di chiudere la sua fabbrica in Russia e di interrompere l’esportazione di prodotti in Russia.

Il produttore francese di pneumatici Michelin sospende le sue esportazioni in Russia e le sue attività di produzione sul suo territorio.

Il produttore italiano di pneumatici Pirelli ridurrà le sue attività in Russia e rifiuterà nuovi investimenti nel Paese.

La società francese di ingegneria energetica Schneider Electric ha sospeso gli investimenti e le forniture a Russia e Bielorussia.

La società tedesca Robert Bosch GmbH ha annunciato che avrebbe ridotto le sue attività in Russia.

La Renault ha interrotto le attività nello stabilimento di Mosca. Il gruppo sta valutando le sue possibili opzioni per quanto riguarda la sua partecipazione in AvtoVAZ.

La società svedese SKF, il più grande produttore mondiale di cuscinetti, ha annunciato la chiusura del suo stabilimento in Russia.

L’azienda giapponese Komatsu, uno dei principali produttori mondiali di attrezzature speciali, ha interrotto le consegne in Russia e interrotto la produzione in uno stabilimento locale.

Tecnologia
decision on russia Technology

Nell’era della tecnologia mobile, e soprattutto in una situazione in cui, con la pandemia, la maggior parte dei residenti è passata alla modalità online, l’impatto negativo della sospensione delle società tecnologiche è molto tangibile.

Google ha sospeso la vendita di pubblicità contestuale in Russia. Le restrizioni riguarderanno sia il motore di ricerca che il servizio di hosting video di YouTube. Inoltre, Google ha impedito ai russi di acquistare app su Google Play e YouTube ha interrotto la monetizzazione.

Apple ha limitato il funzionamento del suo servizio di pagamento Apple Pay e ha interrotto le vendite online in Russia sul suo sito web.

Adobe ha interrotto tutte le nuove vendite di prodotti e servizi in Russia. Gli abbonamenti precedentemente emessi rimarranno validi fino alla data di scadenza, ma non è possibile prorogarli.

Samsung ha dichiarato di aver sospeso le spedizioni di prodotti in Russia.

Il produttore di computer taiwanese ASUS ha sospeso le operazioni in Russia.

Cogent Communications, uno dei principali provider Internet statunitensi, inizia a smettere di servire Internet russo.

La società giapponese Panasonic ha smesso di spedire i suoi prodotti in Russia.

Microsoft ha sospeso le vendite e i servizi in Russia.

AMD e Intel hanno ufficialmente cessato le esportazioni di chip in Russia.

Acer ha annunciato che avrebbe lasciato la Russia.

Qualcomm ha smesso di vendere processori alle società russe.

Il servizio online Grammarly ha smesso di funzionare in Russia e Bielorussia.

Netscout ha smesso di operare in Russia.

Autodesk, sviluppatore di software per l’edilizia e l’ingegneria meccanica, ha sospeso i suoi lavori in Russia.

EPAM smette di servire i clienti russi e dona 100 milioni di dollari ai dipendenti ucraini e alle loro famiglie.

Il servizio di streaming musicale online Spotify ha chiuso i suoi uffici in Russia.

Dell ha temporaneamente interrotto la vendita di prodotti in Russia. La società ha rappresentato circa il 6% delle spedizioni di computer in Russia lo scorso trimestre.

Anche il produttore americano di apparecchiature di rete Cisco Systems Inc ha interrotto le operazioni nei mercati di Russia e Bielorussia.

Ericsson ha smesso di fornire apparecchiature per le reti di comunicazione mobile.

Anche il produttore finlandese di telefoni cellulari Nokia ha interrotto le forniture di apparecchiature per le telecomunicazioni.

Lo sviluppatore di software Oracle Corp. ha cessato le attività in Russia; SAP ha smesso di vendere prodotti software in Russia.

L’outsourcer IT Luxoft lascia il mercato russo.

La giapponese Hitachi interrompe la produzione in Russia ed esporta attrezzature nel Paese, considerando la possibilità di sospendere completamente tutte le operazioni lì.

Il servizio di streaming Twitch ha interrotto i pagamenti ai blogger russi.

La società IT ucraina Terrasoft smette di lavorare con i clienti in Russia e Bielorussia.

Nvidia interrompe la vendita di tutti i suoi prodotti in Russia.

La società di elettronica americana IBM cessa le attività in Russia.

Depositphotos interrompe tutte le operazioni in Russia.

Una delle principali società cloud del mondo, VMware, sospende tutte le operazioni commerciali in Russia e Bielorussia.

Il servizio statunitense Amazon Web Services sospende le sue operazioni in Russia e Bielorussia. Amazon Prime Video ha sospeso l’accesso ai clienti dalla Russia.

Il provider di servizi Internet Lumen ha annunciato ufficialmente che avrebbe smesso di vendere tutti i suoi prodotti e servizi alle società russe.

L’editor grafico Figma congelerà gli account aziendali dei clienti russi.

Xerox ha interrotto le spedizioni di tutti i suoi prodotti in Russia.

L’azienda americana Netcracker, che sviluppa soluzioni per operatori di telecomunicazioni, ha deciso di lasciare anche il mercato russo.

LG ha smesso di vendere apparecchiature alla Russia.

Sharp ha interrotto le consegne in Russia.

Consulenza e Finanza
decision on russia Consulting and Finance

L’uscita dal mercato russo delle società di consulenza potrebbe non essere notata dalla maggior parte delle persone nel paese, ma avrà un impatto molto forte sulla situazione economica in Russia e nel suo settore bancario.

Due società dei quattro grandi revisori dei conti mondiali, KPMG e PriceWaterhouseCoopers (PWC), hanno annunciato che interromperanno i lavori in Russia e Bielorussia a causa dell’invasione dell’Ucraina.

Le principali società di consulenza McKinsey e BCG stanno sospendendo le operazioni in Russia. Entrambe le società hanno 400 dipendenti in Russia.

Anche Ernst & Young ha deciso di seguire i suoi colleghi e ha iniziato a ristrutturare la sua azienda russa per separarla dalla sua rete globale. Il revisore non servirà clienti statali russi, imprese statali o entità sanzionate o individui in qualsiasi parte del mondo.

JPMorgan, la più grande holding bancaria statunitense per asset, ha annunciato che stava chiudendo le sue attività in Russia.

Un’altra gigantesca società di revisione contabile, Deloitte, è l’ultima delle Big Four a disinvestire dalla sua unità russa. Con l’uscita di Deloitte, i Big Four hanno cessato completamente la loro presenza nel Territorio Russo.

La società di consulenza IT Accenture chiude la sua attività in Russia. L’azienda aveva 2.300 dipendenti in Russia.

Fitch Group ha annunciato che sospenderà le sue attività commerciali in Russia. Le valutazioni e altri servizi forniti dalle divisioni russe di Fitch Ratings e Fitch Solutions saranno interessati.

Il consulente immobiliare Colliers lascia il mercato russo. I partner russi rimarranno azionisti della società. Segue il cavaliere Frank.

S&P Global Ratings sta terminando le sue attività commerciali in Russia. Anche i Moody’s.

Goldman Sachs sembrava essere il primo gigante di Wall Street a lasciare la Russia.

La compagnia assicurativa tedesca Allianz SE ha deciso di smettere di assicurare nuove attività russe e non farà nuovi investimenti nel Paese.

Lo studio legale globale Baker McKenzie si sta ritirando dal mercato russo e si rifiuta di impegnarsi con la Russia in qualsiasi forma.

Credit Agricole ha sospeso le operazioni in Russia.

La Mubadala Investment Company di Abu Dhabi, uno dei più grandi fondi sovrani del mondo, ha sospeso gli investimenti in Russia. In realtà è l’uscita più evidente degli enormi giocatori mediorientali.

Sistemi e servizi di pagamento
decision on russia Payment systems and services

Un’altra categoria di aziende molto “dolorosa” è quella delle piattaforme di pagamento online. Quasi tutti i più grandi attori di questo segmento hanno lasciato la Russia e hanno reso impossibile per i suoi cittadini trasferire denaro online.

American Express ha sospeso le operazioni in Russia e Bielorussia. Le carte del sistema di pagamento non funzioneranno più nei negozi o negli sportelli automatici in Russia.

I sistemi di pagamento internazionali Visa e MasterCard hanno annunciato che avrebbero interrotto le transazioni in Russia.

Il sistema di pagamento giapponese JCB sospenderà le operazioni in Russia. Le carte JCB emesse dalle banche russe smetteranno di funzionare all’estero e le carte delle banche straniere – in Russia.

La startup fintech britannica Revolut, il cui fondatore è il cittadino russo Nikolai Storonsky, ha limitato le transazioni con le carte degli utenti in Russia e Bielorussia.

PayPal ha interrotto la registrazione di nuovi utenti russi a partire dall’inizio di marzo.

Payoneer ha smesso di lavorare in Russia a causa della guerra con l’Ucraina.

Western Union interrompe temporaneamente le operazioni in Russia e Bielorussia. Quando quel “temporaneo” si ferma nessuno lo sa.

Media e intrattenimento
decision on russia Media and Entertainment

L’uscita delle aziende da questa categoria influenzerà l’umore della popolazione perduta. Le piattaforme di streaming e le società di produzione smettono di consentire agli utenti russi di guardare e ascoltare le ultime versioni.

Le società di produzione cinematografica che hanno cancellato le loro imminenti anteprime in Russia:

  • Paramount
  • Sony Pictures
  • The Walt Disney Company
  • Universal Pictures
  • Warner Bros

La Walt Disney Company ha annunciato che non solo annullerà le sue anteprime, ma sospenderà anche tutte le sue attività in Russia.

Discovery chiuderà i suoi 15 canali TV in Russia.

Netflix, il servizio di streaming video più famoso al mondo, ha chiuso tutti i servizi in Russia e ha smesso di registrare nuovi clienti dal suo territorio.

Sony interrompe tutte le vendite di PlayStation e software in Russia. L’azienda ha la più grande presenza in Russia di qualsiasi produttore di console.

Warner Music Group, una delle “Big Three” etichette discografiche, ha annunciato la sospensione delle attività in Russia.

Sony Music, la seconda casa discografica più grande del mondo, sospende i suoi lavori in Russia. Anche Universal Music Group ha sospeso le operazioni in Russia.

La piattaforma online ucraina con contenuti video, Megogo, ha rimosso tutti i film russi dalla sua libreria e ha smesso di funzionare in Russia.

L’agenzia Bloomberg e l’emittente statunitense CNN hanno sospeso il loro lavoro in Russia.

Il servizio di audiolibri svedese Storytel ha sospeso le sue operazioni in Russia.

Coursera, una popolare piattaforma educativa online, ha rimosso tutti i contenuti dagli educatori russi. Inoltre, la società ha annunciato diverse iniziative a sostegno degli utenti ucraini.

La casa editrice Condé Nast interrompe temporaneamente le sue attività editoriali in Russia. Pubblica le seguenti riviste:

  • Vogue
  • GQ
  • Condé Nast Traveller
  • Glamour
  • Allure
  • Tatler

Hearst Magazines si è ritirato dalla cooperazione con le società russe. Non è ancora chiaro se l’editore tornerà o meno. L’elenco delle sue riviste:

  • Elle
  • Cosmopolitan
  • Harper’s Bazaar
  • Esquire
  • Men’s Health
  • Women’s Health
  • Elle Decor

Piattaforme online
decision on russia Online Platforms

I servizi di prenotazione di alloggi Booking.com e Airbnb hanno sospeso il loro lavoro in Russia e bandito tutti gli utenti da Russia e Bielorussia.

Upwork, una popolare piattaforma online per liberi professionisti, ha sospeso il suo lavoro in Russia e Bielorussia. Alcune funzioni rimangono attive, ma l’azienda continua a introdurre sempre più restrizioni.

Bumble, l’applicazione di incontri online, ha interrotto le sue operazioni in Russia.

BlaBlaCar ha annunciato la cessazione dell’attività in Russia. Sebbene operi ancora sul territorio del Paese, la filiale russa è completamente tagliata fuori dalla casa madre.

La piattaforma per sviluppatori GitLab smette di funzionare in Russia e Bielorussia.

OLX Group non opererà in Russia, separandosi dalla russa Avito, che diventerà una società separata.

Energia, petrolio e gas
decision on russia Energy Oil Gas

Le quattro grandi società di servizi petroliferi interrompono i loro investimenti in Russia:

  • Baker Hughes
  • Schlumberger
  • Halliburton
  • Weatherford International

BP (British Petroleum) ha annunciato che si libererà della sua partecipazione del 19,75% in Rosneft, la più grande compagnia petrolifera russa.

Il gruppo norvegese di petrolio e gas Equinor ha annunciato che si sarebbe ritirato dai progetti in Russia: la società stava terminando la sua collaborazione con Rosneft. Il 15 marzo, Equinor ha dichiarato che avrebbe interrotto il commercio di petrolio e prodotti petroliferi russi.

Exxon Mobil, la più grande compagnia petrolifera e del gas negli Stati Uniti, iniziò a richiamare specialisti americani che lavoravano in Russia.

Shell, la compagnia internazionale del gas, si ritira dalle joint venture con Gazprom.

La società energetica finlandese Fortum ha interrotto tutti i nuovi progetti di investimento in Russia “fino a nuovo avviso” a causa della situazione in Ucraina.

La società energetica tedesca E.ON ha rifiutato di effettuare nuovi acquisti di gas dai commercianti di Gazprom.

La società di ingegneria tedesca Linde interrompe lo sviluppo di progetti in Russia. La società sta chiudendo i suoi progetti nel paese aggressore che è soggetto a sanzioni internazionali.

Il più grande commerciante di petrolio indipendente al mondo, il Gruppo Vitol, intende interrompere completamente il commercio di petrolio e prodotti petroliferi di origine russa entro la fine del 2022.

Tenaris, il più grande produttore mondiale di tubi in acciaio, smette di commerciare e investire in Russia.

Aviazione e logistica
decision on russia Aviation-and-logi

I produttori di aeromobili Boeing e Airbus hanno abbandonato il servizio e il supporto tecnico alle compagnie aeree russe.

Società postali e logistiche che hanno sospeso tutte le opzioni di consegna in Russia:

  • DHL
  • FedEx
  • UPS

Anche le linee di container e l’autostop hanno sospeso le loro attività in Russia:

  • CMA CGM
  • Hapag-Lloyd
  • Maersk
  • Mediterranean Shipping Company
  • Shipco
  • Yang Ming

Il produttore di camion Iveco Group ha interrotto le spedizioni di veicoli in Russia e Bielorussia.

Korean Air sospenderà tutto il traffico passeggeri e merci da e verso Mosca e Vladivostok fino alla fine di aprile. I voli da Seoul all’Europa saranno dirottati attraverso Cina, Kazakistan e Turchia.

VR Group, le ferrovie finlandesi, smetteranno di accettare merci da società di leasing e spedizionieri russi.

Gli sport
decision on russia Sports

Non solo produttori e aziende internazionali hanno interrotto i loro rapporti con la Russia, ma anche associazioni e federazioni sportive. Ecco l’elenco:

  • International Boxing Federation
  • International Cycling Union
  • International Ice Hockey Federation
  • International Skating Union
  • International Tennis Federation
  • International Weightlifting Federation
  • Women’s Tennis Federation
  • World Athletics Council
  • World Boxing Association
  • World Boxing Council
  • World Rowing Association
  • World Rugby Union

Come già accennato in precedenza, le intenzioni e i piani delle società cambiano ogni giorno e cercheremo di aggiornare l’elenco, tenendovi informati sulla situazione attuale e aggiungendo o rimuovendo i nomi dall’elenco sopra.