Audi Logo AUDI logo PNG

Audi è una delle più note case automobilistiche tedesche, fondata nel 1909 ed entrata a far parte di Auto Union GmbH nel 1932. Oggi l’azienda, di proprietà di Volkswagen AG, è presente in tutti i continenti e dispone di 13 stabilimenti di produzione in tutto il mondo. globo.

Significato e storia

storia del logo Audi

Sebbene il nome Audi fosse apparso nel 1909, non era l’azienda da cui è cresciuto il gigante di oggi.

La vera Audi iniziò nel 1932 quando quattro società si fusero in Auto Union. E l’iconico logo a quattro anelli che tutto il mondo conosce oggi è una celebrazione della storia del marchio e delle sue radici: un’unità di quattro marchi, rappresentati graficamente da quattro anelli collegati.

1909 – 1932

Audi-1909-logo

Il primo logo per Audi fu introdotto nel 1909 ed era una versione pre-lancio, composta da un’iscrizione corsiva posizionata diagonalmente in un contorno ovale. Il logo è stato eseguito in un grigio scuro, che sembrava professionale e rigoroso.

Più tardi nello stesso anno, è stato progettato un badge ufficiale: un triangolo nero solido rivolto verso il basso con il segno numero uno sopra di esso e il marchio corsivo bianco con linee spesse e morbide lungo la linea superiore della figura geometrica. Questo logo rimase con la casa automobilistica fino al 1932, quando fu costituita l’Auto Union.

1932 – 1949

Audi-1932-logo

Il logo originale di Auto Inion presentava quattro anelli blu. In ogni anello è stato disegnato l’emblema di uno dei quattro marchi, sempre in blu. I marchi erano Audi, DKW, Horch e Wanderer Automobile.

1949 – 1969

Audi-1949-logo

Nel 1949 il logo dei quattro anelli fu semplificato. Gli emblemi dei marchi sono stati rimossi dal badge e sostituiti da un sottile rettangolo orizzontale, incrociando gli anelli al centro, con l’iscrizione sans-serif in maiuscolo.

1969 – 1995

Audi-1969-logo

I sindacati automobilistici si trasformano in Audi nel 1969 e lo striscione rettangolare viene rimosso dal logo. Ora l’emblema è composto da soli quattro spessi anelli blu, incatenati tra loro come rappresentazione di forza e sicurezza.

C’era anche un logotipo, creato nello stesso periodo di tempo: caratteri bianchi in grassetto in un sans-serif personalizzato con la forma arrotondata della “D” erano posti all’interno dell’ovale nero solido, che era posizionato orizzontalmente.

Nel 1978 l’ovale diventa rosso e assume un sottile doppio contorno bianco e rosso, che crea un miglior contrasto e rende l’emblema più distinto e luminoso.

1995 – 2009

Audi-1995-logo

Due emblemi diventano uno nel 1995. Il logo, disegnato in quell’anno, era composto da un simbolo di anelli tridimensionali in argento con una scritta rossa in grassetto nello stesso carattere personalizzato sotto di essa.

I contorni sottili e delicati degli anelli bilanciano brillantemente il massiccio marchio, aggiungendo eleganza ed esclusività all’intera immagine.

2009 – 2016

Audi-2009-logo

Nel 2009 il logo viene perfezionato: gli anelli lucidi sono ora più grandi e la targhetta più piccola. Il carattere ha cambiato il suo carattere tipografico in un più tradizionale sans-serif con forme leggermente estese. Ora era posizionato nella parte inferiore sinistra del logo, rendendo l’emblema dei quattro anelli il protagonista della composizione.

2016 – Oggi

Audi Logo

Nel 2016 il logo viene semplificato. Tutti gli effetti tridimensionali sono spariti e ora il simbolo iconico viene eseguito in nero semplice, senza scritte aggiuntive. Quattro anelli ora hanno più spazio nelle aree sovrapposte e sembrano davvero potenti ed eleganti.

Simbolo

Il simbolismo originale degli anelli Audi aveva a che fare più con la politica, piuttosto che con il design reale. La politica di unire quattro grandi case automobilistiche non è stata definita una fusione in quanto potrebbe insultare i proprietari di altre tre imprese, oltre ad Audi. Anche la joint venture ha avuto un nome universale e neutrale Auto Union per un po ‘.

Tuttavia, in seguito – soprattutto dopo il ritorno al design classico del logo nel 1985 – il simbolismo è stato formulato come “interazione armoniosa a vantaggio del consumatore”. Successivamente questo è stato proiettato sul lavoro di tutte le divisioni dell’azienda, nonché delle sue controllate.

Emblema

Il moderno logo Audi è ben noto in tutto il mondo e in termini di influenza è abbastanza paragonabile a Mercedes e BMW, essendo tra i primi tre del mercato automobilistico tedesco e tra i primi dieci dei produttori europei di maggior successo.

La forma del logo si integra perfettamente con le linee orizzontali della griglia del radiatore e ha un bell’aspetto in qualsiasi altro contesto.

Font

Nonostante la sua fama mondiale, Audi ha utilizzato il contenuto dei caratteri fin dai suoi primi loghi. La scritta “Audi” ha subito alcune lievi modifiche, ma il carattere è rimasto generalmente invariato fino al 2009. La sua caratteristica distintiva era una tacca sulla lettera “A” maiuscola, una scrittura semplificata della lettera “U”, nonché una forma specifica di “D”, rendendo la lettera più simile a una nota.

È anche interessante sapere che la forma moderna del logo è stata creata da August Jorge per il processo di unire quattro aziende automobilistiche sotto il marchio Audi. Una di queste società era un’impresa Horche indipendente molto tempo fa (già di proprietà di altri proprietari), creata un tempo dallo stesso Augustus Jorge.

Tuttavia, nel 2009 il marchio ha deciso di unificare il logo: il carattere è stato semplificato e non ha più caratteristiche individuali così evidenti. Inoltre, l’elemento font ha cambiato posizione: si è spostato dal centro a sinistra, sotto il logo stesso.

Colore

La soluzione cromatica del logo non è cambiata molto nel corso della storia del marchio. Aderendo alle forme classiche, Audi ha utilizzato il classico colore nero per il logo. Allo stesso tempo, il carattere bianco sembrava fantastico su uno sfondo nero.

Tuttavia, nel 1985, i famosi anelli Audi diventarono argentati e il colore del carattere fu cambiato in rosso. Il marchio ha così sottolineato una nuova pagina della sua storia (un ritorno alla forma classica del logo), nonché una politica innovativa in ambito tecnologico. Nella versione del 2009, il colore del carattere è leggermente cambiato da scarlatto a ciliegia.