Adidas LogoADIDAS logo PNG

Il logo Adidas è così diffuso e familiare che è quasi impossibile credere che le iconiche tre strisce un tempo appartenessero a un’azienda completamente diversa.

Significato e storia

Quando Adolf Dassler iniziò a produrre scarpe sportive nella lavanderia di sua madre a Herzogenaurach, in Germania, probabilmente non sognava nemmeno che questo fosse l’inizio di uno dei più grandi marchi sportivi del mondo.
Nel 1924, suo fratello maggiore Rudolf iniziò a lavorare con lui. Nel corso del tempo, i loro prodotti hanno ottenuto il riconoscimento. Durante la seconda guerra mondiale, Adolf e Rudolf vendevano circa 200.000 paia di scarpe all’anno.
Dopo la separazione dei fratelli nel 1947, ognuno di loro ha fondato la propria compagnia. Adolf Dassler ha registrato Adidas AG, mentre Rudolf ha registrato una società chiamata Ruda. Sebbene entrambi i fratelli usassero lo stesso meccanismo per coniare i nomi delle loro compagnie (combinando le prime lettere dei loro nomi e cognomi), l’acronimo di Adi si rivelò più efficace, mentre Ruda fu presto ribattezzato Puma.

1924

Adidas-1924-logo

Il logo originale presentava il secondo nome dei co-fondatori, Dassler. Sotto, si vedeva uno stivale portato da un uccello (probabilmente l’emblema doveva mostrare quanto fossero leggeri gli stivali). Il design è stato inserito in uno scudo.

1949

Adidas-1949-logo

Dopo che la società fu divisa in due aziende separate, iniziò ad essere usato il nome “Adidas”. Il logo Adidas originale presentava il nome dell’azienda. Le estremità estese della “D” stavano “trattenendo” una scarpa. Il nome del fondatore, Adolf Dassler, era arcuato sopra di esso.

1950

Adidas-1950-logo

È rimasto solo il nome dell’azienda. È stato dato in bianco all’interno di un rettangolo con angoli arrotondati. Le estremità della “a” sono diventate più nitide.

1967

Adidas-1967-logo

Le estremità appuntite della “a” sono state sostituite da quelle normali, il punto è stato sostituito da un quadrato, le estremità della “s” sono diventate più lunghe. Nel complesso, il design è diventato più pesante. Questo marchio è spesso usato anche adesso.

1971

Adidas-1971-logo

Oltre al marchio denominativo, è stato aggiunto il cosiddetto trifoglio. Mentre potevi ancora vedere le iconiche tre strisce, c’era anche un nuovo elemento, che avrebbe dovuto rappresentare la diversità della gamma Adidas. Questa versione è ancora utilizzata per la linea Adidas Originals.

1991

Adidas-1991-logo

Pur mantenendo le tre strisce, il designer ha aggiunto più potenza e peso all’emblema. Le strisce sono diventate più audaci e sono state ruotate. Puoi vedere questa versione sui prodotti della linea Performance, mentre originariamente è stata creata per la gamma di attrezzature Adidas.

2002

Adidas-2002-logo

Qui, le tre strisce adottano un aspetto più leggero e raffinato. Attraversano un cerchio nero, con il nome del marchio posto sotto. Utilizzato nella gamma Adidas Style.

2005

Logo Adidas

Questo è il logo Adidas più comunemente usato. Le iconiche strisce sono posizionate a sinistra della scritta “adidas”.

Come mai le tre strisce che sono state il nucleo del logo Adidas per circa 70 anni hanno fatto la loro prima apparizione su prodotti realizzati da un’altra azienda?
Negli anni ’40, la società finlandese di nome Karhu Sports produceva calzature impreziosite da tre strisce. Adolf Dassler è piaciuto così tanto il design e l’aspetto che aveva sui lati delle scarpe che ha deciso di acquistarlo. Poiché Karhu Sports stava incontrando problemi finanziari a causa della Seconda Guerra Mondiale, il suo proprietario alla fine accettò di vendere il marchio all’emblema per un equivalente di € 1.600 e due bottiglie di whisky. Ora, Adolf Dassler ha iniziato a mettere le tre strisce ai lati delle calzature prodotte dalla sua azienda. Simbolo Adidas
Il logo ha debuttato sulle calzature Adidas nel 1952, in seguito alle Olimpiadi estive del 1952. Dassler stesso si sentì assolutamente innamorato dell’emblema e si riferì persino alla sua azienda come “La compagnia delle tre strisce”.

Chi ha disegnato il logo Adidas?

Adolf “Adi” Dassler Il nome della persona che ha disegnato il logo originale a tre strisce è sconosciuto. L’emblema è stato acquistato dal fondatore dell’azienda, Adolf “Adi” Dassler, da un marchio ormai defunto Karhu Sports. Nel 1971 venne svelato il logo del trifoglio, scelto anche da Dassler.

Tuttavia, non era l’unico logo del marchio. Un altro, un emblema più complesso è stato sviluppato per scopi di stampa / marketing. Qui è stata raffigurata una scarpa sportiva con le parole “adidas sportschuhe” in basso e “Adolf Dassler” in alto. La scarpa era inserita tra gli steli estesi della “d”. La società ha optato per una delle versioni più audaci del carattere ITC Avant Garde Gothic.
Dobbiamo anche menzionare la variazione del tema delle tre strisce svelata nel 1962. Fu allora che furono introdotte le leggendarie tute con le strisce che scendevano sulle maniche e sulle gambe. Non c’è bisogno di dire che tali tute sono diventate classiche e sono ancora vendute oggi.

Logo Adidas vecchio

Nel 1971, prima dei Giochi olimpici di Monaco, la società ha presentato il cosiddetto trifoglio. Combinava le iconiche tre strisce con tre forme simili alle foglie. La parola “adidas”, in un tipo leggermente diverso, è stata posta sotto.
Uno dei motivi per cui il marchio avrebbe voluto modificare il vecchio logo Adidas era che la società stava cercando di accentuare il fatto che era cresciuto da quando Adolf Dassler lo aveva fondato nel 1948. Tuttavia, il marchio non si è sbarazzato dell’originale logo del tutto – è ancora usato su alcuni oggetti. Ad esempio, l’emblema del trifoglio viene utilizzato sulla gamma di abbigliamento e scarpe da ginnastica Originals; può essere visto su articoli come la t-shirt della California e le scarpe da tennis Pharrell Williams Tennis Hu.

Emblema di montagna

Alla fine degli anni ’80, la società era alla ricerca di modi per aggiornare la propria identità di marca. Questa è stata una sfida, tuttavia, poiché l’emblema doveva rimanere immediatamente identificabile e preservare un’apparente connessione con il suo iconico predecessore del trifoglio. Questo potrebbe essere stato il motivo per cui sono trascorsi almeno sette anni tra il momento in cui il logo è stato progettato (1990) e quando è stato presentato (1997).
Ora, le tre barre erano posizionate verticalmente, quindi ruotate di 30 gradi, creando una forma di montagna. Il concetto di montagna è stato usato come incarnazione della determinazione di un atleta, della sua concentrazione e della sua mentalità orientata agli obiettivi. In questo modo, la società stava cercando di suggerire che l’attrezzatura con il logo della montagna fosse progettata per aiutare una persona a raggiungere i suoi obiettivi più alti.
Prendendo in considerazione il significato di Adidas sopra citato, era naturale che l’emblema fosse inizialmente utilizzato come logo sportivo, i. e. posizionato solo su attrezzature sportive, ma nel tempo ha acquisito lo status del logo standard su tutto l’abbigliamento.

Strisce orizzontali

Nel corso del tempo, la necessità di un nuovo logo è diventata evidente. E ancora, un semplice riposizionamento delle iconiche strisce ha creato un’impressione completamente nuova. Questa volta, le strisce nere sono state posizionate orizzontalmente. Anche la loro lunghezza fu modificata: la linea inferiore era la più lunga, quella in cima era la più corta (circa un terzo della linea più lunga), mentre la seconda striscia era due volte più lunga di quella più corta. Il disegno a strisce è stato posto accanto alle insegne del marchio denominativo, che apparentemente è rimasto invariato.

Altre versioni

Oggi, l’azienda utilizza più di un emblema, quindi la camicia con logo che porta dipende dalla gamma a cui appartiene. Ad esempio, la gamma Adidas Style Essentials, che si occupa del mercato della moda, utilizza in genere il logo in cui le tre strisce distintive sono posizionate all’interno di una forma circolare.
Inoltre, prima delle Olimpiadi del 2008, la società ha svelato un nuovo logo, una combinazione del simbolo del trifoglio e della torcia olimpica.

Chi ha creato il logo?

Sebbene la società non abbia rivelato i nomi di tutti i membri del team, sappiamo che al momento in cui è stato sviluppato il logo Adidas Three Bars, il direttore creativo globale di Adidas era Peter Moore, uno dei nomi più influenti nell’atletica industria calzaturiera. Ha avuto una forte influenza sul concetto. Nuovo logo Adidas
L’esperienza di Moore nell’abbigliamento sportivo supera i trent’anni. È diventato il primo direttore creativo globale di Nike ed è stato tra quelli che hanno aiutato il marchio a raggiungere il suo ruolo attuale. Dopo aver sviluppato il primo concept Air Jordan a metà degli anni ’80 con il suo collega Rob Strasser, lasciò la compagnia per fondare una società di marketing sportivo Sports Inc. con sede a Portland. Inoltre, la sua collaborazione con Rob Strasser ha portato alla creazione di Adidas America Inc. a Portland, dove Moore è diventato direttore creativo mondiale.

Font

La scelta del carattere sembra adattarsi perfettamente all’identità del marchio pulita, quasi spartana, che è caratteristica di Adidas. Dal 1949, quando fu fondata la società, il logo è sempre stato basato sul carattere gotico ITC Avant Garde.

Ci sono stati alcuni giochi con le sfumature della forma delle lettere e il loro peso nel simbolo Adidas. Le versioni che apparvero in seguito furono più audaci dei loro predecessori; la “a” aveva un’estremità in alto a destra leggermente diversa, mentre il punto sopra la “i” si è trasformato da un cerchio in un quadrato nel 1971. Inoltre, le proporzioni della “d” si sono avvicinate a quelle della “a” a partire da il 1971. Eppure, la struttura di base dei glifi e il modo in cui erano posizionati rimasero gli stessi. Ecco perché l’impressione generale è rimasta perfettamente coerente. Difficilmente è possibile rilevare la differenza nella tipografia delle diverse versioni del logo se non le si confronta fianco a fianco.

Colore

La società è stata eccezionalmente coerente nella combinazione di colori del suo emblema principale. Il logo nero su sfondo bianco è stato utilizzato sin da quando l’azienda ha iniziato il suo lavoro. Eppure, poiché questo è il tipo di emblema che si trova su una vasta gamma di prodotti di vari colori, è naturale che un designer debba adattare il colore del simbolo ogni volta.

Ad esempio, nel caso di uno sfondo nero il logo bianco sembra una scelta del tutto appropriata. Può anche essere visto spesso sull’abbigliamento di molti altri colori, tra cui blu e viola scuro. Ad un certo punto, la società ha utilizzato ampiamente un logo blu, ma le attuali Linee guida ufficiali del marchio elencano questa versione come obsoleta. Il documento proibisce inoltre di modificare la combinazione di colori dell’emblema, ad esempio, usando un viola o un verde.